salvatore quasimodo
 HOME  biografia bibliografia il parco
letterario
ermetismo
post
ermetismo
casa
quasimodo
Quasimdo e l'Ermetismo

Paolo Mario Sipala
I versi di quel ragazzo

Mario Petrucciani
Quasimodo Ermetico

Giuseppe Barone
Il Poeta e il Santo: note in margine al carteggio Quasimodo-La Pira

Sergio Campailla
Quasimodo e Montale

Anna De Stefano
Un ignoto disperato messaggio di Quasimodo a D'Annunzio

Giuseppe Savoca
Per Quasimodo traduttore di Catullo: il carme LXV

La Sicilia On Line

TURISMO
Presentazione
Geografia
Economia
Storia
Arte
Musei
Gastronomia
Feste e Sagre
RISTORANTI
CARTOLINE
EVENTI
MAPPE
SHOPPING
MAGAZINE
CHAT

Le 9 province

Agrigento
Caltanissetta
Catania
Enna
Messina
Palermo
Ragusa
Siracusa
Trapani
TUTTE LE CITTA'

Sicily NETWORK

sicilynetwork.com
siciliano.it
sicilyweb.com
siciliaweb.com
aziende-siciliane.com

sicilyhotels.com
siciliaonline.com
sicilycinema.it
sicilybooks.it
foto-sicilia.it
sicily-photos.com
cefalu.it
taormina-sicily.it
ragusaonline.com
modicaonline.it
quasimodo.it
infomedi.it
festedisicilia.it
pasquainsicilia.it
siciliani.com
siciliane.com
agriturismo-sicilia.it
ristoranti-sicilia.it
olio-sicilia.it

la tua pubblicità su SICILYNETWORK


cerca in:


salvatore quasimodo

QUASIMODO E L'ERMETISMO
Atti del primo Incontro di studio

15 - 16 febbraio 1984
Palazzo dei Mercedari
Modica

CENTRO NAZIONALE Dl STUDI SU SALVATORE QUASIMODO


salvatore quasimodoSalvatore Quasimodo nasce a Modica agli inizi del secolo in quella casa a mezza costa, fra la via Posterla e la via Castello, all'ombra della torre merlata di Tommaso Campailla dove il filosofo, poeta e scienzato, due secoli prima, aveva ospitato l'amico Giorgio Berkeley.

Sono gli anni in cui il musicista Pietro Floridia va in cartellone assieme a Puccini ed il pittore Enrico Maltese raccoglie consensi di critica per le sue opere, delle quali finissima testimonianza sono gli olii dipinti per i costumi della "Maruzza" che, in apertura dei nostri lavori, abbiamo potuto ammirare in una bella esposizione, allestita in collaborazione con la Casa editrice Ricordi.

A Modica vivono ed insegnano Virgilio Brocchi e Niccolo' Rodolico. Paolo Revelli e gia partito e sta scrivendo "Il Comune di Modica", la prima monografia geografica, avente per oggetto un comune, che sia stata pubblicata in Italia, la pił pregevole delle opere siciliane di questo scienziato che, per oltre un trentennio, dara' lustro alla Universita di Genova. A Catania, rettore magnifico di quella Universitą, e' Giovan Pietro Grimaldi che, nella sua villa modicana di Fondolongo, dalla quale il mare di La Pira sembra toccarsi, ha un attrezzato gabinetto scientifico per i suoi esperimenti di fisica. Modica e' la quarta cittą della Sicilia e si propone come una capitale culturale dell'isola, dopo esserne stata per secoli la contea pił potente. Quasimodo nasce in questo momento e questa atmosfera gli rimane dentro, pur fra le tante peregrinazioni che nel 1909 lo porteranno a Messina.

Qui l'incontro e l'amicizia con Giorgio La Pira hanno matrice nella loro condizione di esuli: forse le lettere che arrivano da Pozzallo portano, per Salvatore, l'eco lontana di quella patria "area di visioni esatte / dei paesi e dei mari / della scienza e dell'arte" che egli non ebbe tempo di amare.

Il Poeta, la sua Cittą, un "incontro" di pacificazione.

Mentre Firenze assisteva al consumarsi delle ultime ore di vita di Alessandro Bonsanti, sindaco della cittą e letterato di rara sensibilitą, Mario Sipala, a Modica, apriva il Convegno parlando del quaderno giovanile di Salvatore Quasimodo intitolato "Bacia la soglia della tua casa". Sono trascorsi cinquantaquattro anni da quando proprio Alessandro Bonsanti pubblicava sulla rivista fiorentina "Solaria" tre poesie, scommettendo su quel poeta sconosciuto che tanti anni prima era fuggito di notte con un mantello corto e alcuni versi in tasca. Un passaggio storico che Quasimodo non manca di sottolineare: "Non mi par vero di essere anch'io solariano".

Con la pubblicazione degli Atti teniamo fede ad un impegno che avevamo preso con i relatori e con i numerosi partecipanti ai lavori del Convegno. Questi Atti sono un contributo all'approfondimento della problematica quasimodiana e, licenziandoli, voglio sperare che possano avere miglior fortuna di un Convegno "dimenticato".

Orazio Galfo

Note legali, Cookie Policy e Privacy - info@sicilyweb.com